La teoria del coltello nell'acqua

La teoria del coltello nell'acqua

L'isolamento a tre e il cul de sac polanskiano

Un’auto percorre un deserto viale alberato, le fronde si riflettono sul vetro. Una donna alla guida, alla destra il marito che le dà continue indicazioni, inudito. La donna, annoiata, ferma la macchina, scende e lo lascia guidare. Qualche altro metro e anche il marito è costretto a fermarsi, bruscamente, per non investire un giovane che fa l’autostop in mezzo alla strada....

I migliori film del 2014

I migliori film del 2014

Da Ceylan a Nolan, dalla Rohrwacher a Von Trier

La classifica dei migliori film usciti in Italia nel 2014 per i redattori della sezione Cinematografo de L'Eco del Nulla. La Top Ten internazionale capitanata da Nuri Bilge Ceylan con Il regno d’inverno – Winter Sleep, Palma d'oro a Cannes, e chiusa da L'amore bugiardo - Gone girl di David Fincher, futuro candidato per la corsa agli Oscar del prossimo febbraio. Il regno d'inverno...

Lo spiritualismo neofascista

Lo spiritualismo neofascista

Cronistoria di un ramo della destra neofascista italiana di Ordine Nuovo e MSI

Fra i molti aspetti che si possono analizzare del neofascismo italiano, uno dei più particolari è sicuramente la sua esperienza spiritualista, in primo luogo per la sua spropositata elaborazione teorica rispetto al numero di veri e propri adepti e in secondo luogo in quanto mezzo di spiegazione di alcuni fenomeni, quali lo stragismo nero, che sotto quest’ottica assumono una prospettiva...

Vermeer e Hopper, due cavalletti con obbiettivo

Vermeer e Hopper, due cavalletti con obbiettivo

La pittura e la sua ispirazione fotografica, musa e impressione della realtà

Jan Vermeer ed Edward Hopper, solo a nominarli, appaiono come due pittori assai lontani, dal punto di vista cronologico – l’uno visse nel Seicento, l’altro a cavallo tra Ottocento e Novecento – e come tecnica e stile dei quadri, ma se solo osserviamo con occhi più attenti i loro dipinti sarà possibile notare un’ispirazione comune, la fotografia, musa concreta...

La Storia in soggettiva

La Storia in soggettiva

Il realismo contemporaneo del cinema italiano, da Zavattini a Virzì

«La Storia può essere concepita e raccontata in modo tale che, attraverso i singoli episodi di individui, il suo significato essenziale e la sua connessione necessaria segretamente vi traspaiano». Parole, quelle di Hegel, universali e valide in ogni contesto volto a interrogare la Storia e il modo di narrarla. Parole che fanno l’occhiolino a tutto quel cinema italiano che...

Istantanee di un declino

Istantanee di un declino

Il primo dopoguerra tedesco nei dipinti di Otto Dix e George Grosz

132 miliardi di marchi è la cifra a cui ammonta, nel 1921, la spesa per le riparazioni di guerra imposta alla Germania dopo la fine del primo conflitto mondiale, in base al Trattato di Versailles del 1919, la conferenza che secondo il presidente statunitense Woodrow Wilson deve servire a scongiurare per sempre il pericolo di una nuova guerra mondiale. Così non sarà, come insegna...