Le assolute pretese

Gli spiritualismi, la mistica zen e induista sono solo mode o una fuga dai monoteismi verso nuove credenze?

Storici e critici d’ogni materia concordano sul fatto che, nei tempi moderni o postmoderni che siano, si sia sviluppato nel nostro Occidente un progressivo abbandono di chiese e dottrine. Le religioni, pensano in molti, esistono solo in qualità di esperienze accessorie, stili di vita che la tradizione scandisce come mere abitudini. Stando a questo parere, seppure la fede può dirsi...

Lo sguardo al flâneur

Baudelaire e il mondo fuori dalla finestra

A quella che si vede apparire per un secondo alla finestra E che, rapida, scompare via, Però la sua sagoma snella è tanto graziosa e sottile da rimanere rasserenato... Antoine Pol Una finestra si frappone fra osservatore e osservato. L’osservatore può vedere, guardare, o osservare. Una finestra che si affaccia sulla strada, sulla vita nella sua assordante quotidianità....

Il bue muto

La gioventù di San Tommaso tra gli studi parigini e le prese in giro dei compagni

La figura di San Tommaso si erge possente sullo sfondo del XIII secolo: noto come doctor angelicus, con la sua opera cercò una conciliazione tra la teologia cattolica e la novità filosofica del razionalismo naturalista – quella stessa corrente naturalista che sarebbe, poi, stata additata da Petrarca come il male del suo tempo. Col XIII secolo si era aperta, infatti, un’epoca...

Miraggi analogici

L'etica dell'uomo tra le "predisposizioni" di Aristotele e gli "istinti" di Voltaire

«La pietra che per natura si porta verso il basso non può abituarsi a portarsi verso l’alto, neppure se si volesse abituarla gettandola in alto infinite volte; né il fuoco può abituarsi a scendere verso il basso, né alcun’altra delle cose che per natura si comportano in un certo modo potrà essere abituata a comportarsi in modo diverso. Per conseguenza,...

La mente del giornalismo

Il giornalismo che spiega la psicologia che spiega la politica

Ciò che né La Stampa né il Giornale sembrano avere constatato è che, qualunque siano le regioni cerebrali che spingono gli uomini a fidarsi di un principio etico piuttosto che un altro, questi (i principi o ideali) hanno o dovrebbero avere una loro intrinseca giustezza, cioè una propria ragione d’esistere. Ed è proprio questa giustezza che dovrebbe risultare...

Il giornalismo della mente

Il giornalismo che spiega la psicologia che spiega la politica

Non di rado e non senza amarezza constatiamo le distorsioni o omissioni di verità tipiche delle testate giornalistiche, specie di quelle nazionali politicamente e ufficialmente schierate. Tali distorsioni non riguardano unicamente la selezione arbitraria dei fatti (quei fantomatici “fatti” che, a detta di Nietzsche, neppure esistono poiché tutto è interpretazione)....