La pulce e l'elefante

L'amicizia futurista tra l'incendiario Marinetti e il mite Palazzeschi

Nonostante la compattez­za ideologica che Filippo Tommaso Marinetti tentò di imporre nella seconda fase del futurismo (dal 1914 circa in poi), questo primo grande movimento d’avanguardia europeo non fu certo, né prima né dopo, un monolite, ma brulicò invece d’una pluralità piuttosto accentuata – prima distrattamente liquidata, poi ferocemente...

Cara Luna

Viaggi e miraggi lunari dell'uomo fra razzi e letteratura

«Cara Luna, tu hai a sapere che io sono di grossa pasta e di cervello tondo; e non è maraviglia che gli uomini m’ingannino facilmente. Ma io ti so dire che se i tuoi non si curano di conquistarti, tu non fosti però sempre senza pericolo: perché in diversi tempi, molte persone di quaggiù si posero in animo di conquistarti esse; e a quest’effetto fecero...

La nobile leggerezza

Intervista a Carlo Loforti, autore del romanzo Appalermo, appalermo!

Mimmo Calò è un popolare giornalista sportivo locale. Perso malamente il lavoro a causa degli sporchi affari del suo capo beccato dalla finanza, realizza il suo sogno di aprire una sfincioneria nel centro storico di Palermo, dentro un piccolo magazzino strappato per sbaglio durante un’asta giudiziaria. Quello sarà l’inizio di una serie di sfortunate disavventure che...

Il poeta dei prodigi

Le invenzioni senza brevetto della fantascienza di Jules Verne

A partire dalla metà del secolo scorso, niente ha avuto più autorità delle conquiste tecnologiche nel dare il nome ai lassi di tempo individuati dalle cronologie storiografiche. Così, gli anni Novanta del XX secolo sono stati il decennio dell’esplosione dei personal computer, gli anni zero del terzo millennio il decennio della diffusione di Internet, quello che stiamo...

Una meravigliosa desolazione

Il secondo uomo sulla Luna e la rivincita di Buzz Aldrin nel mondo dei giocattoli

La storia della rincorsa allo spazio racchiude tante micro-narrazioni. Una di queste è la storia di un eterno secondo. Ma è anche la storia di un eterno primo e forse è, di striscio, un po’ la storia di tutti noi, che almeno una volta nella vita siamo stati entrambi questi personaggi. Partiamo da colui che è noto a tutti, ma davvero a chiunque, per aver poggiato per...

Il paradigma delle flatulenze

La democrazia del gabinetto tra le 'scorregge' di Aristofane e i divini bisogni di Kim Jong-un

Napoleone Bonaparte, imperatore con velleità da psicologo, riteneva che il passo dalla tragedia alla commedia stesse nel semplice atto di “sedersi”. La manifestazione della corporeità dell'essere umano, poggiato sul piano che esprime i suoi bisogni fisiologici – il sedere –, ha la capacità di infrangere ogni austerità tragica. Il generale...