Non lavorare, non aspettare, non invecchiare

Su Cometa, il romanzo allucinato di Gregorio Magini tra cibernetica, psichedelia e fantascienza

Il piccolo Raffaele si affaccia alla vita con un battesimo luminoso: lo scroto degli amanti di mamma sulla faccia. Peni gocciolanti. Giovani ragazze ricoperte di sperma. La sua prima forma nel mondo è quella di morboso voyeur dei costumi orgiastici dei genitori, che lo allevano precocemente in un Eden ipersessuale privo di censure. Cometa di Gregorio Magini, uscito per Neo Edizioni, si presenta...

Giusto terrore

Il nuovo libro di Alessandro Gazoia a cavallo tra terrorismo islamico e Anni di piombo

Il terrore di cui parla Alessandro Gazoia è quello che ogni lettore europeo può attendersi da un libro che esca nel 2018 e s’intitoli Giusto terrore. L’autore non ci tiene a smentirlo e apre il primo capitolo con l’immagine di una delle più terrificanti delle esecuzioni a cui, dal 2014, lo Stato Islamico ha abituato il pubblico mondiale. Quest’immagine,...

Sfidare gli abissi

Profondità dell'uomo e del mare in Dimentica di respirare, il nuovo romanzo di Kareen De Martin Pinter

Giuliano è un apneista, un campione non per talento ma per dedizione. Fin da bambino, nelle sfide con suo fratello Giovanni, non era lui ad avere i polmoni più grandi. Dalla sua aveva la volontà di fare dell’immersione la sua ragione di vita (e in parte di morte). Dimentica di respirare, opera seconda della bolzanina Kareen De Martin Pinter uscita per Tunuè, racconta...

Un'altra sera, un'altra cena

Storie di vita e di coppia attorno alla tavola nell'esordio dello scrittore fiorentino Simone Lisi

Un’altra cena (o di come finiscono le cose) è un libro di Simone Lisi, esordiente scrittore fiorentino, edito da Effequ. Un’altra cena è un libro singolare, dove sin dalla prima pagina, che mostra la pianta dell’appartamento in cui si svolgerà tutta la narrazione, lo scrittore mette in scena un affresco sociale dalle sfumature teatrali: una cena darà...

Ero la ritornata. Parlavo un’altra lingua e non sapevo più a chi appartenere

Sorellanza, famiglia e abbandono ne L'Arminuta, il romanzo vincitore del Premio Campiello

«A tredici anni non conoscevo più l’altra mia madre» si apre così L’Arminuta, il romanzo di Donatella Di Pietrantonio vincitore della 55esima edizione del Premio Campiello, con una bambina che sale le scale di una vecchia casa, appesantita da una borsa scomoda e con in mano una sacca che odora di scarpe. L’Arminuta – in dialetto abruzzese “la...

Letteratura e fondi di caffè

Le generazioni di artisti e scrittori ai tavoli delle Giubbe Rosse

Fra le quattro radici della po­esia individuate da Oreste Macrì ed elette a basi fon­danti del suo metodo critico, la prima è la dimora vitale («larica ancestrale e presen­te, acrona e attimale»), ossia – in breve –l’insieme degli elementi biografici, geografici e culturali che determinano le condizioni di nascita del prodotto poetico: le amicizie,...