Finalmente ha vinto la sinistra

Dopo anni di lotte interne e scissioni il centrosinistra di Pd e LeU torna nel suo luogo prediletto: l'opposizione

Finalmente ha vinto la sinistra, e in grande stile come piace a lei: contro se stessa. C’era riuscita nel referendum del 4 dicembre, ma non è mai una vera vittoria di sinistra se non perdi le politiche. E le politiche 2018 il centrosinistra le ha perse in maniera spettacolare, con il 10% di voti in meno rispetto al 2013. Sarà contento Renzi che riconosce la sconfitta senza...

Perché Metalhead è uno dei migliori episodi di Black Mirror 4

La serie di Charlie Brooker e le polemiche su uno degli episodi più interessanti della quarta stagione

Tra la valanga di accuse che la quarta stagione di Black Mirror sta ricevendo – tra cui alcune meravigliose come “La quarta stagione di Black Mirror non è una stagione di Black Mirror” (nonostante sia sempre dello stesso autore, Charlie Brooker) o anche il sempreverde “Netflix ha rovinato Black Mirror” (nonostante sia la stessa casa di produzione della terza, che...

La La Land, in difesa di un film che non mi è piaciuto

Di whitewashing, mansplaining e altre critiche inutili mosse al film di Damien Chazelle

La La Land non mi è piaciuto. Malgrado il film di Chazelle viva momenti di sincera emozione e sequenze di grande impatto emotivo nella seconda metà, per la maggior parte del tempo si ha l’impressione di assistere a uno spettacolo senza sentimento, inutilmente esibizionistico (d’altronde è un musical, si ribatterà giustamente) e, in alcuni casi come la sequenza...

Le libertà riviste

La libertà di espressione nell'editoria indipendente e l'esperienza di Firenze RiVista

Quelle di stampa e di espressione sono libertà scivolose, con interpretazioni spesso ambigue e confini sbiaditi. Basti pensare in tempi recenti alle modalità diametralmente opposte con cui l’Italia è entrata in rapporto con la rivista satirica francese Charlie Hebdo, prima paladina della libertà dopo l’attacco terroristico del 7 gennaio 2015 poi fonte di trasversale...

L'uomo dietro lo Zar

Le meraviglie di Ivan Zaytsev e il cuore olimpico di Simone Buti

C’è un immagine che più di tutte affolla gli schermi di questo finesettimana azzurro a Rio de Janeiro: lo Zar Ivan Zaytsev che urla via la sua rabbia dopo i tre ace consecutivi nella semifinale di volley maschile contro gli Stati Uniti. Tre ace che ci portano al quinto set, a giocarci l’accesso alla finale olimpica. Giornali, social media e televisioni impazziscono per lo...