La Nigeria dilaniata

La Nigeria dilaniata

La minaccia dell’organizzazione terroristica Boko Haram e un paese allo sbando

Il rapimento di 276 studentesse avvenuto lo scorso mese nel nordest della Nigeria ad opera del gruppo estremista islamico Boko Haram è ormai divenuto un caso di livello mondiale. In un recente video postato su internet, il leader del movimento Abubakar Shekau ha definito le ragazze “schiave” e ha minacciato di venderle al mercato: da qui è partita una campagna mediatica virale...

L’Ucraina e la lunga strada verso la stabilità

L’Ucraina e la lunga strada verso la stabilità

Guerra civile tra interessi geopolitici e cambi di potere

Con più di cento morti e migliaia di feriti, la settimana che si è appena conclusa in Ucraina è stata una delle più atroci e sanguinarie dall’inizio delle proteste in novembre, ovvero da quando Viktor Janukovyč – ormai ex presidente del paese – rifiutò di siglare un accordo di associazione con l’Unione Europea. Il sangue versato ha portato...

L’Egitto al voto tra speranza e illusione

L’Egitto al voto tra speranza e illusione

Un nuovo documento costituzionale per consolidare il potere dell’esercito

L’inizio del 2014 rischia di mescolare nuovamente le carte del già complesso quadro politico ed istituzionale dell’Egitto post-Morsi, a poco meno di sei mesi dalla destituzione dell’ex presidente, esponente ed interprete dell’organizzazione dei Fratelli Musulmani. Il 14 e 15 gennaio, infatti, gli egiziani hanno votato per il referendum sulla nuova Costituzione: stando...

Il castello di carte di Viktor Janukovyč

Il castello di carte di Viktor Janukovyč

Le proteste di piazza in Ucraina e l’indebolimento del presidente

Dall’inizio di dicembre l’Ucraina e la sua capitale Kiev sono teatro di disordini e proteste che hanno attratto l’attenzione dell’intera comunità internazionale. I manifestanti chiedono a gran voce le dimissioni del presidente Viktor Janukovyč, reo di non aver firmato l’accordo di associazione e libero scambio con l’Unione Europea. L’assedio dei principali...

L’odissea post-mortem del martire Arafat

L’odissea post-mortem del martire Arafat

L’ombra del polonio sulla scomparsa dell’ex leader palestinese

Così come la nascita ed altre tappe salienti della sua vita, anche la morte di Yasser Arafat sembra essere avvolta nel mistero, a quasi dieci anni dalla sua scomparsa. Secondo uno studio condotto dagli scienziati dell'Institut de Radiophysique dell’Università di Losanna il defunto leader palestinese, nonché figura di spicco del panorama politico internazionale, potrebbe...

Obama folgorato sulla via di Damasco

Obama folgorato sulla via di Damasco

La Casa Bianca prende le distanze dal conflitto siriano, tra l’appeasement europeo e il presunto pacifismo di Putin

Era il 15 marzo 2011 quando per le strade di Damasco iniziavano a costituirsi piccoli gruppi spontanei che, sull’onda emotiva delle proteste in Africa settentrionale, facevano sentire la loro voce contro il regime familistico di Asad, chiedendo una vera apertura democratica e riforme economiche che restituissero dignità alla popolazione. Da protesta pacifica, la “primavera siriana”...

Turchia non fa rima con democrazia

Turchia non fa rima con democrazia

Il governo di Erdogan e il malcontento popolare

Nessun analista politico poteva mai immaginare che la più grande e seria minaccia all’autorità del premier turco Recep Tayyp Erdogan, in carica da oltre un decennio nel paese, sarebbe derivata da una piccola protesta locale a sfondo ambientalista. Man mano che il numero di manifestanti aumentava a dismisura e che la folla riempiva in massa le strade in varie città della...