Fritz Haber

Fritz Haber

Il pane dall’aria, l’oro dall’acqua, la morte dalla vita

Nel gennaio del 1934 c’era un anziano signore in vacanza a Basilea. Prima di visitare la Svizzera, che da lungo tempo ormai desiderava per dimora, aveva passato un breve periodo a Cambridge, ma temeva che il tedio della pioggerellina britannica l’avrebbe portato alla morte. Così se n’era andato, ma la morte l’aveva seguito. Ebbe un attacco di cuore. Non era più...

Lucas vs Spielberg

Lucas vs Spielberg

La scommessa da 700 milioni di dollari

Estate 1976. George Walton Lucas Jr. è sull’orlo di un esaurimento: ha appena finito di girare Guerre Stellari, il primo – quarto nell’ordine cronologico della storia – di nove episodi, ma il risultato non gli sembra coincidere con il progetto iniziale. I costumi, gli oggetti di scena, persino le ambientazioni non corrispondono alla sua visione originale dell’universo...

Belomorkanal

Belomorkanal

Propaganda in tabaccheria

A ridosso della boscosa linea di confine tra la Finlandia e la Russia si stende, fredda, la Carelia. Per secoli e secoli, i rigorosi credenti ortodossi che abitavano quella regione avevano innalzato monasteri e croci alla gloria del Salvatore. Anche dopo la venuta del bolscevismo, quella terra bianca di neve e dura di granito era rimasta impermeabile al mondo esterno. Ma le necessità del primo...

Perché scrivere di storia

Già, perché? Tra tutte le scelte possibili, perché la storia? Una scienza abusata da mass media che la riducono a svago da seconda serata; un’arte bistrattata, degradata dal senso comune a vana perdita di tempo, arido elenco di battaglie e defunti, e infine, in sostanza, accantonata, dimenticata. Ma qui non si vuole prendere la storia e liberarla dal disuso in cui è...

Il bambino e il formicaio

Il bambino e il formicaio

‘Divagazioni e capricci’ sul significato delle parole

  È nel discorso, attualizzato in frasi, che la lingua si forma e si configura. A questo punto comincia il linguaggio. ÉMILE BENVENISTE C’è un filo sottile, remoto, quasi invisibile, che lega un qualsiasi bambino alle formiche. È un filo magico. Rimane imbambolato per ore a osservarle. Sbucano con impeto raro dalle fessure dei mattoni leggermente sollevati del...

WITTGENSTEIN

WITTGENSTEIN

Il maestro, giardiniere

Per capire la vita, io dovevo capire la vita non di quelle che erano eccezioni […] bensì la vita del semplice popolo lavoratore che costruisce la vita, ed il senso che esso le dà. [1] LEV TOLSTOJ Le pareti umide della cucina della scuola elementare di Trattenbach avevano dei rigonfiamenti e piccole crepe macchiate di nero che si estendevano verso il basso, all’incirca nei...